Trattamenti larvicidi

I trattamenti insetticidi più efficaci, economici e con il minor impatto ambientale sono quelli mirati a colpire le larve nei focolai di sviluppo. Ovviamente vanno limitati a quei focolai che non sono fisicamente eliminabili (che sono per lo più costituiti dai tombini contenenti acqua): sottovasi, secchi, bacinelle, ecc.  vanno semplicemente rovesciati.

Tali trattamenti devono interessare tutte le aree urbanizzate pubbliche e private; sono utili anche contro la zanzara comune (Culex pipiens).

Per il trattamento delle aree private è consigliabile utilizzare un prodotto a base di Bacillus thuringiensis var. israelensis.

Per il trattamento delle aree pubbliche gli insetticidi consigliati sono quelli contenenti i seguenti tre principi attivi: 

- Bacillus thuringiensis var. israelensis in associazione con il Bacillus sphaericus  (nome dell' unico prodotto in commercio: Vectomax FG);

- Diflubenzuron;

- Piriproxifen.

In Friuli V.G. il periodo che conviene debba essere coperto dai trattamenti è quello in cui sono presenti larve in numero significativo ed è di norma compreso tra maggio e inizi ottobre. Trattamenti eseguiti nel mese di ottobre sono di norma inutili poiché in questo mese persiste l'azione dell'ultimo trattamento precedente svolto nel mese di settembre. Vedi tabella orientativa sotto:

  

PRINCIPIO INSETTICIDA

INTERVALLO FRA DUE TRATTAMENTI (circa; dose standard)

DATE PRIMO E ULTIMO TRATTAMENTO  (circa)

N. TRATTAMENTI ANNUO  (circa)

Bacillus thuringiensis

7-10 giorni

inizio maggio - fine settembre 

15

Bacillus th. + Bacillus sph. (VectoMax FG)

6-8 settimane

inizio maggio – inizio settembre

4

Diflubenzuron

4 settimane

inizio maggio – metà settembre

5

Piriproxifen

6 settimane

inizio maggio – metà settembre

4 - 5

 

 

Prima di eseguire i trattamenti è utile una pulizia interna dei tombini in modo da rimuovere il più possibile fango, foglie, ecc.

 

Per i cittadini è importante che le misure di prevenzione e di trattamento vadano intraprese in tutto il vicinato ed eseguite con regolarità anche in periodi di assenza di qualche famiglia (es. per vacanze).